MagnamagnaPizzeriePizza classica

Radici

Qualche settimana fa, finalmente, siamo ritornati a trovare i nostri amici di RadiciOreste e Raffaele De Santis.

6176674448_IMG_2151
Raffaele ed Oreste De Santis

Iniziamo intanto a parlare dei due proprietari: sono due fratelli, molto giovani, originari di Agnone (SA) nel Cilento, dove gestiscono anche un’altra attività di ristorazione. Ed è proprio dal Cilento che prende ispirazione il lavoro dei due.

Radici è un omaggio alla cucina della nonna, con l’utilizzo di prodotti freschi (molti di questi arrivano dalla salumeria/macelleria che si trova di fronte il locale) e di stagione (i ragazzi propongono una pizza diversa ogni mese a seconda del periodo), rivisitati in maniera innovativa. Ad Oreste e Raffaele, infatti, piace chiamare la loro macchina, un laboratorio più che una pizzeria.

Vengono utilizzate essenzialmente farine di tipo 1 che, come sappiamo, mantengono inalterate le proprietà qualitative della farina e, quindi, sono maggiormente ricche di sostanze nutritive rispetto alle farine più raffinate come la tipo 0 o 00.

Per quanto riguarda la lievitazione, viene preferita una lunga lievitazione a temperatura ambiente, cosa che rende il prodotto più saporito, ma soprattutto digeribile. La forma della pizza riprende essenzialmente quella napoletana, con cornicione gonfio, ma non troppo.

Un cenno merita, infine, lo stile del locale, uno dei nostri preferiti a livello di estetica. Innanzitutto, abbiamo il forno ed il bancone a vista. Il locale è moderno, in parte grezzo, capiente e con un’illuminazione leggera e rilassante. L’ambiente ricorda quello di un pub. Interessante l’idea dei proprietari di riportare col gesso parte del menù sulle pareti nere.

La varietà di pizze presenti sul menù è vasta.

Ma passiamo alle nostre scelte: per iniziare, abbiamo assaggiato delle ottime frittatine di pasta (bucatini di Gragnano) farcite con besciamella, provola affumicata, ciccioli napoletani, salame napoletano, prezzemolo, parmigiano reggiano e pepe nero (2,00€ l’una). Inoltre, siamo stati anche omaggiati con una pizza in pala con vari gusti, davvero molto gradita.

Per quanto riguarda le pizze, come al solito, non poteva mancare una Margherita con Bufala (la Bufala Dop) con pomodoro San Marzano Dop, mozzarella di Bufala, parmigiano reggiano stagionato 24 mesi, olio E.V.O delle colline cilentane, basilico fresco (7,00€).

Margherita con bufala

La nostra seconda scelta è stata una dipingendo la Puglia (8,50€), con impasto multicereali (aggiunta di 2,00€), farcita con fior di latte, pomodorino essiccato al sole, pomodorino giallo del piennolo, burrata sostituita da stracciata di bufala, olio E.V.O delle colline cilentane e riduzione di basilico.

Dipingendo la Puglia

Entrambe le nostre scelte sono state “azzeccate” e siamo rimasti davvero soddisfatti. In particolare, molto gustoso e leggero l’impasto ai multicereali.

Il tutto, accompagnato da buonissime birre artigianali bionde di un’azienda, che non poteva che essere cilentana.

Radici è oramai una garanzia del quartiere e non solo. Per noi, invece, un punto solido di riferimento quando dobbiamo consigliare a qualcuno dove mangiare un’ottima pizza.

Questi i nostri voti per Radici:

Location: 7

Servizio: 7

Menù: 9

Conto: 8

Totale: 31

Cliccando qui, troverete la pagina Fb di Radici.

Indirizzo: Via Giovanni Battista Amendola, 93, 84129 Salerno SA Telefono: 089 2857840

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *